skip to Main Content

Prodotti

L’innovativo sistema di barriere di delimitazione GOTRACK si compone dei seguenti elementi:

  • [1] delimitatore di pista (barriera in polietilene ad alta densità)
  • [2] cinghia-nastro PES di collegamento, ad alto carico di tenuta
  • [3] cricchetto tensionatore per cinghie
  • [4] piastra di ancoraggio al suolo (anti sollevamento)
  • [5] anti-crash protection strip – bandella di protezione laterale – in polietilene

Articoli complementari/supplementari, a richiesta:

  • [6] sacchi per sabbia od acqua, di appesantimento barriere
  • [7] luci a LED integrati nelle barriere (anche di segnalazione)
  • [8] materassi di contenimento e/o protezione in EPDM, per pareti (muri), pilastri e colonne

Descrizione prodotti e funzionamento del sistema

Fulcro e componente principale del sistema è la barriera di delimitazione [1], realizzata in 2 misure, sia per “indoor” che per “outdoor”, quest’ultima prodotta con uno speciale additivo maggiormente resistente ai raggi UV:

Barriera Maxi

la maxi cm 110 di lunghezza, 40 di altezza e 42 di larghezza con sviluppo effettivo in metri lineari di cm. 100 (per kg. 11,7 di peso);

maxi_white
maxi_white
maxi_red

110 cm (sviluppo netto 100 cm) – h. 40cm – z. 42cm

Barriera Mini

la mini cm 65 di lunghezza, 40 di altezza e 42 di larghezza con sviluppo effettivo in metri lineari di cm. 55 (per kg. 6,7 circa di peso). È particolarmente indicata per la realizzazione di curve molto strette (con angoli inferiori ai 90° come ad esempio i tornantini) ed a maggior rischio impatti; in quanto più corta e compatta, risulta leggermente più robusta e pesante.

small_green
small_green
small_white
small_red
small_italian_flag

65 cm (sviluppo netto 55 cm) – h. 40cm – z. 42cm

Ideali e sicure per delimitare il tracciato, sono collegate tra loro [2] con le cinghie passanti all’interno, tenute in tensione da appositi [3] cricchetti.

In alcuni punti strategici le barriere vengono ancorate internamente al suolo con un’apposita piastra [4], avente funzione anti sollevamento ovvero di impedire al blocco barriere di sollevarsi pericolosamente in caso di forte impatto dei mezzi. In alternativa od a complemento, è possibile appesantirle con uno o più sacchi in pvc [6] riempibili con sabbia/acqua e, su richiesta, integrarle con dei LED [7], sia come elemento di design (illuminazione tunnel, effetti scenici) che come sistema di segnalazione per i piloti.

Sulla parete esterna di ogni barriera e lungo il perimetro interno della pista, soprattutto nelle indoor, viene fissata senza interruzioni la “anti-crash protection strip” [5] ovvero un profilo piatto in polietilene dello spessore di 15 mm. ed alto circa 200, quale supporto di protezione atto a preservare dagli urti sia le barriere che i go-kart, quindi a salvaguardia anche dei conducenti. Come specificato nella sezione “INNOVAZIONE”, unitamente alle cinghie di tensionamento, contribuisce a rendere il sistema di delimitazione un blocco unico, molto compatto e resistente, capace di spostarsi anche di parecchi centimetri per poi tornare in posizione originaria (cosiddetto memory effect), evitando tra l’altro il pericolosissimo rimbalzo in pista dei mezzi; il più delle volte, in base alla velocità ed angolo d’impatto, vi scivolano contro rimettendosi in carreggiata. Il risultato è un minimo consumo delle parti a contatto (barriere da un lato e carene dall’altro) ed un aspetto immutato della pista nel tempo.

anticrash1
anticrash1
anticrash2
anticrash3
anticrash4

Anti-crash protection strip

Tra gli articoli/accessori – a richiesta – i materassi di contenimento e/o protezione [8] realizzati in EPDM (agglomerato di gomma riciclata multistrato), a copertura delle parti più esposte di pareti, muri, pilastri o colonne, utili per mettere in sicurezza il tracciato, salvaguardando i mezzi e l’incolumità dei piloti.

Back To Top